9 agosto 2018

Recensione 'Magic' (Shades of Magic #1) - V. E. Schwab

Buongiorno ^^,
oggi possiamo finalmente parlare di un'autrice da me tanto desiderata e di una serie che ha riscosso un successo clamoroso in America. In particolare non vedevo l'ora di poter leggere qualcosa della leggendaria Victoria Schwab, che è ritenuta una delle regine del fantasy statunitense.
Il suo Vicious è entrato nei cuori di migliaia di lettori e in Italia sono stati pubblicati i primi libri delle sue altre serie: Questo Canto Selvaggio e Magic, appunto, primo della serie Shades of Magic.

Dunque, andiamo!

Trama

Risultati immagini per magic v e schwab
Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell'Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio iii nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un'operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a sopravvivere...

Copertina Originale:


(Che dire, quella Americana è carina, ma anche quella Italiana si difende bene, no?)



La serie è composta da...
01. Magic
02. A Gathering of Shadows (inedito in Italia)
03. A Conjuring of Light (inedito in Italia)


Inter(re)view*:
Buongiorno, inizio con il dirle quale immenso piacere sia fare finalmente la sua conoscenza *^*.

Victoria: Piacere mio! E' sempre molto bello conoscere nuovi autori che esplorano i mondi da me creati. Quindi? Oggi parliamo di Magic giusto?

Ebbene si, ho scelto questo semplicemente perchè è stato pubblicato prima di This Savage Song e volevo andare con ordine e metodologia. Dunque, iniziamo?

Victoria: ... Paranoica, eh? Comunque si si, non vedo l'ora di leggere un'ulteriore recensione!

Molto bene, allora tuffiamoci subito in questo libro che ho finito da poche ore (ma non posso aspettare di parlarvene, a-ye!). Dunque dunque, questo volume parla fondamentalmente di Kell e Delilah detta Lila, due personaggi che non potrebbero essere più diversi che si muovono in un mondo oltremodo complesso.

Victoria: Un mondo su cui vale la pena spendere qualche parolina, o no? *si soffia il naso in un fazzoletto irrimediabilmente rosso, nero, grigio e bianco*

Scelta di colori interessante... 

Si, direi che bisogna spendere qualche parolina preliminare sull'ambientazione. Il nostro Kell infatti è un Antari, un mago molto potente in grado di viaggiare tra i mondi. I mondi in questione, infatti, sono ben 4 e lui si sposta tra le 4 versioni parallele della stessa città, Londra, per portare comunicazioni tra i regnanti di ciascun mondo
Abbiamo Londra Grigia, noiosa, priva di magia quasi totalmente e casa di Lila, Londra Rossa, casa di Kell, illuminata e ricca di magia, Londra Bianca, governata da regnanti spietati e violenti disposti a tutto pur di accaparrarsi il potere magico e dominare gli altri mondi, e infine Londra Nera, sopraffatta e corrotta dalla magia e per questo isolata dagli altri mondi e sigillata per sempre.
Il nostro Kell oltre a portare lettere e messaggi vari fa anche da contrabbandiere per abbienti clienti di ogni specie portando oggetti tra le varie versioni di Londra.




Victoria: Molto più difficile a spiegarsi che a capirsi leggendo, garantisco io! Avresti mica un pasticcino? Qua io avrei un certo languorino...

Certo che si, sono proprio dietro di te!
Dicevo, questa ambientazione è straordinariamente complessa, ma ammaliante e trascina il lettore in una frenetica combinazione di colori, odori e incantesimi - che per vostra informazione si attivano con il sangue, ovviamente.
I nostri eroi, Kell e Lila, si incontrano per caso e si trovano invischiati in un complotto multidimensionale, quando salta fuori un oggetto che avrebbe fatto meglio a rimanere nascosto e Kell viene accusato di tradimento contro la sua stessa famiglia e dunque costretto a fuggire e a combattere contro qualcosa di estremamente più potente e pericoloso di lui.

Victoria: Perfetto - oh, buoni questi pasticcini! - non ho ancora sentito neanche un commento personale al libro però!
Stavo per arrivarci, prima vorrei ancora specificare che un aspetto davvero notevole di questo libro è il ruolo della magia. Come già accade in altri libri e si ritrova con immenso piacere anche in questo, qui la magia è ambivalente. La magia è potente e utile, certo, ma anche spietata, amorale e superiore a tutto. E' intrinseca in ogni cosa, pervade e conquista ogni uomo e ogni elemento di ogni mondo, ma gli è completamente indifferente, perché ha il solo interesse a preservare sè stessa e dominare. Se non la si controlla, si è controllati da essaUna magia diversa quindi dalla classica "magia di luce" o "magia buona", che dir si voglia, più cruda e brutale e decisamente più affascinante.

Victoria: *sgranocchia i dolcetti sogghignando* Dunque ora mi dirai cosa ne pensi o andiamo avanti a snocciolare particolari di questo libro senza parlarne mai davvero?

Ci arrivo, ci arrivo! Ultimissimo particolare ammirevole...

Victoria: *alza gli occhi al cielo* Sul serio? Coraggio! Arriva al punto, il resto puoi dirmelo più tardi, su!

Molto molto bene, dunque basta così, arriviamo al dunque e poi ti dirò ancora una piccola cosa sui personaggi.
Allora, senza ulteriore indugio questo libro è meraviglioso. Un libro violento, con ben pochi elementi felici, ma che mischia sapientemente una grande dose di ironia (di cui parliamo tra un secondo) con lotte per il potere e incantesimi dall'impronta primitiva e brutale. Un libro da divorare tutto d'un fiato nonostante la lunghezza, che trascina in un rocambolesco e vorticoso viaggio tra quattro mondi apparentemente simili, ma che non potrebbero essere più diversi tra loro. A ogni capitolo si svela un nuovo lato di una delle quattro Londre: un nuovo personaggio ambiguo, un inaspettato risvolto di un incantesimo o una nuova caratteristica di una delle città... 
Insomma, l'universo è talmente ampio che è anche solo complesso parlarne.


'«L’amore non ti impedisce di morire di freddo, Kell.», continuò, «o di fame, o di essere accoltellato per le monete che abbiamo in tasca. L’amore non compra nulla, quindi sii felice di quello che hai e delle persone che hai, perché potrai anche desiderare di avere altro, ma non hai bisogno di niente.»'


Victoria: Che dire, grazie mille! Nessuna critica? Assolutamente niente di negativo da dire? E l'ulteriore particolare di cui parlavi prima?

Subito, eseguo! Dunque il particolare che volevo dirti è che bisogna fare una menzione d'onore a Kell e Lila, i nostri due protagonisti. Kell è un personaggio fantastico, potente e letale, ma allo stesso tempo profondamente umano, legato alla sua famiglia e al mantenere la pace nel suo mondo. Subisce il fascino della magia e del potere che potrebbe offrirgli, ma cerca in tutti i modi di mantenere una certa integrità e di resistergli. 
Lila invece è la star del volume, una ladruncola cresciuta in mezzo alla strada che si è dovuta arrabattare in qualche modo per sopravvivere. Conosce Kell e decide di imbarcarsi con lui nella sua missione armata solo della sua destrezza di mano e di una lingua alquanto tagliente, che rende impossibile non adorarla. E' testarda come poche, però, e mi ha fatto alzare gli occhi al cielo più di una volta...



Victoria: Suvvia, è una ragazza con un certo fascino! Be', se è tutto quello che hai da dire, io accetterei il voto massimo e me ne andrei a scrivere il mio prossimo capolav...

Riguardo alla ragazza certamente, riguardo al voto massimo... Be', con molta calma! In realtà una critica da fare ce l'avrei...

Victoria: ... Sul serio?

Eh già. Il fatto è che è un bel libro, ma fatica ad ingranare e per tutta la prima metà del volume è difficile entrare nella storia e nel punto di vista dei personaggi. Non so, inizialmente mi è sembrata una storia macchinosa, ma una volta presa la mano con le dinamiche e i personaggi, be', è tutto in discesa, una discesa di glitter e arcobaleni!

Victoria: Be', è un mondo estremamente complesso, quindi... *afferra ancora un dolcetto, l'ennesimo* ... Quindi *ciomp ciomp* è abbastanza normale doverci prendere un attimo la mano!

Si si, vero, però, insomma, forse il lettore poteva essere introdotto in maniera leggermente più fluida e semplice, non buttato in mezzo alla storia senza riuscire a capirci un'acca per i primi capitoli... Ma quanti dolcetti stai mangiando?!

Victoria: ... Solo qualcuno... *guance piene di biscotti e occhi colpevoli*

Uff, va be', tieniteli... 

Victoria: Posso? Davvero? *le luccicano gli occhi*

Che dire, ormai te li sei mangiati quasi tutti, quindi portati a casa tutto il pacchetto! Senza fare complimenti eh...

Victoria: Grazie, grazie, grazie! *arraffa ogni biscotto disponibile e fa per scappare, poi si blocca e si gira* ... Manca il voto vero?

Si, ma non ti trattengo, anzi!

Verdetto:


A un là dalla perfezione, un Eccezionale!

Victoria: Grazie mille, ciaooo! *scappa alla velocità della luce con i biscotti*

Arrivederci, eh... Che tipa golosa...
Un abbraccio a tutti voi cari lettori!
#Rainy

2 commenti:

  1. Ciao Rainy,
    recensione favolosa!😍
    Io ho letto questo libro all'inizio di quest'anno e l'ho adorato. Tanto da averlo consigliato a mia sorella che l'ha finito da poco ed anche lei ha dovuto concordare con me, è meraviglioso!
    Il worldbuilding mi ha presa completamente la magia che si attiva col sangue è alquanto originale.
    Poi Kell...tanto amore😍😍😍
    Invece un personaggio che non mi ha colpita è stato, non mi ricordo come si chiami...comunque il principino, ovvero il fratellastro di Kell. Ho letto un sacco di recensioni che lo esaltavano come personaggio spettacolare e tessevano lodi sul suo rapporto con Kell, tuttavia io penso proprio l'opposto. A te com'è sembrato?
    Proprio oggi parlavo del fatto di voler fare una recensione di questo romanzo, in quanto non l'avevo fatta prima perché l'ho letto prima di aprire il blog, e poi spunti fuori tu con questa recensione...mi hai catapultata di nuovo in questo universo! Adesso mi devo mettere al lavoro per decidere come recensirlo, è davvero complicato spiegare come funziona il mondo della Schwab.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente: è un libro difficile anche solo da introdurre ahah!
      Insomma, fammi sapere quando pubblicherai la recensione che correrò subito a leggerla ^^

      Elimina

Mi farebbe davvero piacere sapere cosa ne pensate :3 Lasciatemi un commentino se vi va!