18 marzo 2019

Recensione 'Legend' (Shades of Magic #2) - V. E. Schwab

Bene bene bene.
Oserei dire FINALMENTE siamo qui a parlare del tanto atteso seguito di Magic della nostra amatissima V. E. Schwab. Una frase per riassumere i miei sentimenti dopo aver finito il secondo volume - Legend - della serie: DATEMI IL SEGUITO ORA. VOGLIO, NECESSITO E PRETENDO DI SAPERE COME VA A FINIRE PER LILA E KELL

Riprendendo un attimo il controllo di se stessi, qual è il punto? Il punto è che ormai si dovrebbe essere capito che la Schwab non delude MAI. Anche questo libro è un sogno fatto carta, ma andiamo a parlarne meglio in questa recensione flash.

Trama

Dopo la Notte Nera, una nuova minaccia incombe su Londra Grigia, Londra Bianca e Londra Rossa. Sono passati quattro mesi da quando Kell ha trovato la pietra nera. Quattro mesi da quando ha incrociato il suo cammino con quello di Delilah, Rhy è stato ferito e i terribili gemelli Dane sono stati sconfitti. Ma, soprattutto, quattro mesi da quando la terra ha inghiottito il corpo di Holland insieme alla pietra, trascinandoli per sempre a Londra Nera. Le vite di Rhy e Kell ora sono indissolubilmente legate: se Kell muore, muore anche Rhy. Di notte, gli incubi perseguitano Kell con le immagini vivide degli eventi magici che si sono susseguiti e con il ricordo di Lila, sparita come era sua intenzione sin dall'inizio. Intanto, mentre a Londra Rossa fervono i preparativi per i Giochi degli Elementi, una competizione magica internazionale, un'altra Londra si sta lentamente risvegliando. Come un'ombra che, invece di dissolversi al mattino, accresce la sua oscurità, Londra Nera sta nuovamente interferendo con l'equilibrio magico. E per ripristinare l'ordine è necessario che un'altra Londra cada...








Copertina Originale:


(Non so, mi piacciono di più quelle straniere...)


La serie è composta da...
01. Magic (recensione)
02. Legend
03. A Conjuring of Light (inedito in Italia)


Recensione:
Questo libro è semplicemente meraviglioso, come era il primo. Forse un pelo differente perché manca di tutta l’azione di cui Magic era pieno, ma non temete: i nostri personaggi di certo non stanno con le mani in mano nemmeno qui!

Ritroviamo i nostri eroi dove li avevamo lasciati, con qualche piccolo cambiamento e nuovi eroi pronti a conquistare il mondo (e i nostri cuori).
Come al solito, andiamo con ordine: prima di tutto Delilah, che avevamo lasciato decisa a lasciare Kell e Londra Rossa indietro (sigh) per partire alla volta del mondo. Ebbene, sapete che Lila è indomabile e inarrestabile e così, in men che non si dica, la ritroviamo feroce pirata a bordo di una nave di contrabbandieri della corona guidata dal capitano Aimery.

Aimery è il primo nuovo personaggio fondamentale del libro: un gran dongiovanni con un passato tormentato sentimentalmente (tresche con persone fuori dalla tua portata, here we go!), ma un immenso talento per la magia. Insomma, un pirata-mago estremamente abile e affascinante capitano di una nave di elementi davvero originali. Lila ovviamente entrerà segretamente a bordo della Pinnacolo Notturno (il nome della nave; nda), ma riuscirà a farsi strada nel cuore dell'equipaggio e a farsi accettare da Aimery. Il rapporto tra Lila e Aimery è una delle cose più frizzanti e divertenti di questo libro, perchè entrambi sono testardi, riservati e assolutamente determinati a non far trapelare nulla di sè stessi a meno di non ricevere qualcosa in cambio.

10 marzo 2019

#BookTag: No Disclaimers Book Tag

Buonasera cari,
dopo secoli e secoli facciamo un book tag *^*!

Oggi parliamo delle brutte abitudini dei lettori, di quali si hanno, quali no, cosa si sopporta e cosa invece si odia, tutto ciò senza fare alcun disclaimer: oggi si è politicamente scorretti e via!

Bene bene, iniziamo!

Ah, un po' di crediti, ho scoperto questo tag sul canale di Miss Fiction Books e ho riadattato leggermente il tutto ^^


01. Quali clichè ti danno più fastidio?

Okay, primo fra tutti e direi più significativo degli altri che seguiranno: LA PREVEDIBILITA'. Quando già da pagina 4 si intuisce come il libro andrà a finire, be', si perde ogni voglia di leggerlo. Immagino sia così per molti di voi, ma quando ogni cosa è troppo ovvia, che senso ha continuare la lettura?
In secondo luogo, il triangolo scemo è un'altra delle cose che odio maggiormente, soprattutto se non ha senso ed è chiaro fin da subito che serve solo ad allungare il brodo. Il più delle volte è inutile e la scelta finale della protagonista è immediatamente evidente (quindi si torna alla prevedibilità).

02. Quali secondo te sono autori/autrici sopravvalutati?

Un nome su tutti, non voletemene, sicuramente dettato dal fatto che ho letto pochi suoi libri: Colleen Hoover
NON UCCIDETEMI, VI PREGO!
Sinceramente non penso che le sue storie siano epopee coinvolgenti e commoventi come spesso vengono descritte... Forse sono io che non riesco a farmi conquistare, chissà!


03. Quali sono i libri che ti sono piaciuti di meno da quando hai aperto il blog?

AH! Dai raga, questa è facile. Due nomi su tutti, tra cui una menzione d'onore.


Ebbene si, due grandi classici: primo fra tutti Perfect do Alison G. Bailey, la storia peggio scritta con la protagonista più insopportabile di amore fra migliori amici, se volete saperne di più > recensione.

E poi la menzione d'onore a Sei tu il mio per sempre, un libro a dir poco orrido che ho demolito brutalmente e che è da sempre il post più popolare del blog ahahahah (adoro come adoriate [?] le stroncature). Se volete contribuire a farlo rimanere primo in classifica, > recensione.

5 marzo 2019

TBR: Marzo 2019


Buona seraaaaa.
Perdonate l'ora, carissimi!
Ma del resto meglio una TBR tardi il 5, che una TBR mai (perchè di sicuro mi dimenticherei di postarla se non lo faccio ora..).


Quindi direi di iniziare dato che ho un fracco di libri da farvi vedere c:


- USCITE ITALIOTE -

01. La corte di Rose e Spine - Sarah J. Maas (FINALMENTE!!)


Quando la diciannovenne Feyre uccide un lupo nella foresta, una creatura bestiale si presenta al suo cospetto per chiedergliene conto e portarla via con sé, nel mondo delle fate. Qui, Feyre scopre che il suo rapitore non è un animale, ma Tamlin, uno degli esseri fatati, immortali e letali che un tempo regnavano sul mondo. Durante la convivenza forzata con lui, i sentimenti di Feyre si trasformano dalla più fredda ostilità alla più accesa passione, che finisce per travolgere e annullare tutto, persino gli avvertimenti che le vengono dati a proposito del mondo meraviglioso ma altamente pericoloso in cui si ritrova. Ma un’ombra si affaccia sul regno delle fate e, se Feyre non troverà il modo di fermarla, annienterà Tamlin e il suo mondo per sempre...

DATA DI USCITA: 19 marzo
















02. Neverworld - Marisha Pessl

Quando Beatrice frequentava il liceo, Jim, Martha, Whitley, Kipling e Cannon erano la sua famiglia, i primi veri amici che avesse mai avuto. Loro sei erano come un club, una società segreta invidiata da tutti gli altri studenti. E per tutti l'improvvisa e misteriosa morte di Jim, il più carismatico del gruppo e fidanzato di Bea, era stata un terremoto, di quelli che inghiottono la città e spazzano via ogni cosa. Un anno dopo, in occasione del compleanno di Whitley, Beatrice torna nella villa dove il gruppo era solito trascorrere lunghissime nottate a raccontarsi segreti, amori, piani per conquistare il mondo, sperando di trovare risposta alla domanda che ancora la tormenta: cosa è successo davvero al suo ragazzo? Perché, di questo è certa, i suoi (ormai ex) amici sanno molto più di quanto non diano a vedere. La notte corre via veloce, tra balli scatenati in un locale del centro, un po' troppi Moscow Mule, battute imbarazzanti e silenzi imperscrutabili, fino all'epilogo, un incidente d'auto dal quale il gruppo esce apparentemente illeso. Ma una volta rientrati alla villa, accade l'impensabile: un uomo misterioso bussa alla porta e, candido, annuncia una verità sconvolgente: sono tutti morti. O meglio: sono tutti quasi morti, incastrati tra la vita e la morte, prigionieri in una sorta di limbo, il Neverworld, dove il giorno appena vissuto è destinato a ripetersi all'infinito. Solo uno di loro potrà scampare a questo incubo e tornare alla vita vera, ma dovranno essere loro stessi a decidere chi. Una scelta difficile, impossibile. Dopo un primo momento di incredulità, a mano a mano che alla negazione si sostituisce la lucida accettazione della realtà, inizierà a essere chiaro a tutti che l'unica speranza di scampare a un destino tanto crudele è fare fronte comune e aiutarsi l'un l'altro e, soprattutto, che la chiave di volta è legata in modo indissolubile alla scoperta di cosa è accaduto davvero la notte della scomparsa di Jim.

DATA DI USCITA: 26 marzo




03. Il primo istante con te - Jamie McGuire

La prima volta che Elliott si accorge di Catherine è solo un ragazzino. Seduto su un albero nel giardino degli zii, si diverte a scattare fotografie, quando l'obiettivo inquadra un viso dolce e due grandi occhi verdi. Occhi profondi, nei quali intravede l'ombra di una solitudine che vorrebbe scacciare. Ma non sa come. Finché, in un torrido pomeriggio d'estate, trova il coraggio di avvicinare la ragazzina cui non ha smesso di pensare neanche per un secondo. Catherine è sorpresa e diffidente: non crede di potersi fidare di quello sconosciuto, spettinato e un po' sulle nuvole. Ma, con fare affettuoso e comprensivo, Elliott riesce a ritagliarsi un posto nel suo cuore e a regalarle il primo amore: uno di quelli di cui non si può fare a meno, ma che, a volte, sono destinati a non durare nel tempo. Perché proprio nel momento in cui Catherine affronta il periodo più difficile della sua vita, Elliott è costretto ad andarsene e a lasciarla sola. Da allora sono passati anni e Catherine non ha fatto altro che chiudersi in se stessa, pensando di riuscire a proteggersi dalle delusioni che ha affrontato senza il sostegno di nessuno, nemmeno della madre, assente e distaccata. E quando Elliott decide di tornare per rimediare agli errori commessi, lei non sembra disposta a perdonarlo: entrambi sono cambiati, poco rimane dei due ragazzini che timidamente si tenevano per mano. Eppure una scintilla del vecchio legame resiste ancora, pronta a riaccendersi se solo Catherine riuscisse a fidarsi di nuovo. Ma questo significherebbe rivelare il suo più grande segreto, che, rimasto al sicuro tra le mura di casa, potrebbe distruggere l'unica possibilità che le resta di essere felice.

DATA DI USCITA: 14 marzo



2 marzo 2019

Recensione 'A Court of Thorns and Roses' (A Court of Thorns and Roses #1) - Sarah J. Maas

Ma buongiorno tesorini! Come andiamo?

Oggi si torna in grande stile (e glab, è già marzo!) con una nuovissima recensione di un libro ahimè mai uscito in Italia. Obv l'ho letto in inglese, ma penso che con un po' di pazienza ed impegno sia una lettura che chiunque possa affrontare. E' si piena di termini particolari, da "libro fantasy", ma tutto sommato con tenacia e determinazione chiunque può affrontare questa storia!

Naturalmente sto parlando di A Court of Thorns and Roses di Sarah J. Maas, che avevamo già incontrato nel primo libro de "Il trono di ghiaccio" e alla quale ho deciso di dare qui una seconda possibilità!

Trama


When nineteen-year-old huntress Feyre kills a wolf in the woods, a beast-like creature arrives to demand retribution for it. Dragged to a treacherous magical land she only knows about from legends, Feyre discovers that her captor is not an animal, but Tamlin--one of the lethal, immortal faeries who once ruled their world.

As she dwells on his estate, her feelings for Tamlin transform from icy hostility into a fiery passion that burns through every lie and warning she's been told about the beautiful, dangerous world of the Fae. But an ancient, wicked shadow over the faerie lands is growing, and Feyre must find a way to stop it . . . or doom Tamlin--and his world--forever.

La serie è composta da...
01. A Court of Thorns and Roses
02. A Court of Mist and Fury
03. A Court of Wings and Ruin
03.1. A Court of Frost and Starlight
03.2. Novella ancora senza titolo
04. Ancora inedito (in arrivo nel 2020)
05-06. Ancora inediti

(si, si prospetta una serie enorme; nda)

Recensione
Dunque, preferisco affrontare la questione in un unico blocco, perchè ormai è passato un bel po' di tempo da quando ho finito il libro e dato che mi decido a scrivere la recensione solo ora (non flagellatemi!), una inter(re)view verrebbe un po' noiosina e abbozzata.
Almeno in questo modo facciamo più in fretta, due cose, bam, bam e tutti a casa!

ACOTAR è la storia di Feyre, una cacciatrice poraccia che viene coinvolta in un incidente misterioso e si trova a dover scambiare la sua vita da poverella vessata da due sorelle egoiste con una favolosa permanenza al palazzo di Tamlin, Alta Fata e Signore della Corte della Primavera: un figaccione con poteri magici che indossa perennemente una maschera che gli cela il volto per maledizione. Insomma, mica male!

Ovviamente è più complicato di così e Feyre ben presto scoprirà di essere stata coinvolta in una lotta per spezzare la maledizione centenaria che affligge tutte le Fate, soggette al dominio di una malvagia nemica. Logicamente (?) sarà proprio compito della nostra eroine aiutare le Fate a ribellarsi e così conquistare definitivamente il cuore del nostro Tamlin (suvvia, non siete mica sorpresi che quei due finiscano insieme, no?).

16 febbraio 2019

Recensione 'Dream Magic' (Shadow Magic #2) - Joshua Khan


Buongiorno miei cari,
oggi torniamo a parlare di una serie che mi aveva particolarmente conquistata, una serie innovativa con due protagonisti giovanissimi alle prese con non-morti, zombie, minacce dal passato e dall’Aldilà. Sto parlando di Shadow Magic di Joshua Khan che torna in grande stile con il secondo volume, Dream Magic.

Che dire, partiamo subito!

Trama

Lily Shadow è diventata regina, ma i nemici di Castel Cupo sono sempre in agguato. Nell'aria c'è uno strano fermento. I morti si stanno risvegliando dalle tombe, i villaggi subiscono razzie e un esercito di troll si avvicina da nord. Il popolo comincia a dubitare della sua stessa regina. Lily però non è sola. Il coraggioso Thorn è il suo braccio destro ed entrambi sanno che l'unica possibilità di tenere unito il regno è controllare le Ombre. Lily infatti non ha ereditato solo il castello degli Shadow, ma anche la magia nera. Così, mentre la giovane regina si esercita nell'arte proibita e tiene a bada una lunga fila di pretendenti, le armate stringono i confini e inquietanti ragni si muovono nell'oscurità... Sarà sufficiente la determinazione di una ragazza a salvare Castel Cupo? Dream Magic è il secondo capitolo di una saga epica iniziata con Shadow Magic. Un'avventura fantastica dove non mancano azione, magia e verità nascoste che aspettano solo di essere svelate...


La serie è composta da…
01. Shadow Magic (recensione)
02. Dream Magic
03. Burning Magic 

Inter(re)view*:
Che piacere vederla, signor Khan!

Joshua: E’ assolutamente un mio piacere! Dopotutto ricordo un parere molto positivo sul mio primo volume, quindi non vedo l’ora di sentire altrettanti complimenti per Dream Magic!

Be’, riguardo a questo, non avrei aspettative follemente alte…

Joshua: …Cosa intendi esattamente?

Ehm, meglio non rovinare la sorpresa, no? *risatina isterica*

Joshua:  Ehm, non sono sicuro di voler effettivamente AVERE questa sorpresa… Ma procediamo, prima iniziamo prima finiamo!

Hai perfettamente ragione, dunque dunque dunque, per prima cosa gli elementi negativi di questo libro, stile via il dente, via il dolore. Senza ulteriore indugio dico che questo libro è peggiore del primo, amen. Non capisco come sia successo perché il primo prometteva così bene, ma ho trovato questo secondo volume molto più simile a una favola, che ad un romanzo. 

Joshua:  Sono accuse pesanti… Hai anche qualche motivazione più specifica o semplicemente  spari frasi generiche e ingiustificate?

Semplicemente è meno avvincente, meno emozionante, meno ricco di colpi di scena… I personaggi sono più blandi, soprattutto Lily, la nostra regina. La magia ha un ruolo importante, ma le tradizioni che avevano reso Geena così particolari quasi scompaiono e non posso fare a meno di chiedermi PERCHE’?! Un gran peccato.

Joshua: Non riesco sinceramente a capire a cosa tu ti riferisca… Io sono sempre io e scrivo sempre nello stesso modo!

12 febbraio 2019

Recensione 'Obsidio' (The Illuminae Files #3) - Amie Kaufman, Jay Kristoff

Buongiorno anzi buonasera cari,
oggi siamo qui per un evento oserei dire epocale e ciò la recensione del libro conclusivo di una serie a dir poco sbalorditiva. Naturalmente sto parlando di The Illuminae Files, la prodigiosa serie su un complotto interplanetario raccontata attraverso e-mail, intercettazioni, trascrizioni di video... Insomma, la serie evento degli scorsi anni!

Obsidio è il terzo e ultimo volume della serie che ho divorato in pochi giorni e finalmente oggi trovo un momento per parlarvene c:

Trama


In questo terzo romanzo della serie incontriamo nuovamente Kady, Ezra, Hanna e Nick, i protagonisti dei precedenti due romanzi, «Illuminae» e «Gemina». I quattro, scampati per miracolo all'attacco sulla stazione orbitante Heimdall, si ritrovano insieme ad altri 2000 rifugiati sulla nave spaziale Mao. L'unica cosa che possono fare è tornare su Kerenza in cerca di aiuto, anche se, a distanza di sette mesi dall'invasione del pianeta, non sanno chi e che cosa vi troveranno. Qui, nel frattempo, Asha, cugina di Kady, sopravvissuta a quel primo attacco della Beitech, si è unita alla resistenza clandestina. Quando su Kerenza fa la sua comparsa Rhys, una sua vecchia fiamma, i due si trovano ai lati opposti delle barricate. La battaglia finale che è alle porte, e che verrà combattuta senza esclusione di colpi sia in terra sia nello spazio, lascerà sul campo tanti eroi e anche dei cuori spezzati.
La serie è composta da...
01. Illuminae
02. Gemina
03. Obsidio





Inter(re)view*:

Buonasera... Ehm, come andiamo? Oggi siete in un buon mood?

Amie: Io sono sempre felice di sentire qualcuno parlare dei nostri libri!
Jay: Io invece vedo le recensioni come una grande rottura di scatole, come la mettiamo? Non sono proprio di buon umore oggi, la sorprenderà...

In effetti no, non mi sorprende per niente...

Jay: Scusi, come?

Nulla, nulla, dicevamo? Ah si, il libro. Allora, avevamo lasciato tutti in una situa a dir poco tragica, con Hannah Donnelly che a sorpresa irrompe via webcam nell'aula di tribunale dove si sta svolgendo il processo alla BeiTech per raccontare la fine della storia.
Riassunto brevissimo: Nick, Hannah, Kady e Ezra sono tutti insieme appassionatamente sulla nave del defunto Capitano Falk - la Mao - e si decide di tornare su Kerenza a salvare i sopravvissuti (che non si sapeva ci fossero) per quanto possibile e sfruttare la piattaforma di salto Magellan per tornare a casetta. Problemi di tutto ciò? Be', la BeiTech tiene sotto ostaggio i sopravvissuti e si prepara a un genocidio per "liquidare" la colonia e tutto ciò che hanno combinato lì. Oltretutto non si può dire che l'intero equipaggio della Mao sia d'accordo nel tornare a Kerenza...

Jay: Boh questi riassunti approssimativi, cioè okay, ma non è che rendano granchè l'idea... Vedo che la pochezza di queste recensioni non è cambiata...
Amie: Non essere così duro, Jay caro.
Jay: Boh, se lo dici tu...

Bah, sorvoliamo. Protagonisti indiscussi di questo volume avrebbero dovuto essere Asha, cugina di Kady, e il suo fidanzato ora guardia della BeiTech e il fatto che non ricordi come si ch... Ah si, Rhys! Si si, ecco, ecco. Rhys! (Non ricordavo il suo nome e questo dice tanto). Insomma, avrebbero dovuto essere i due personaggi principali, invece spariscono sullo sfondo, resi quasi inutili da altre colonne portanti come Kady, Hannah e Nick (anche Ezra un po' sparisce) e questo purtroppo è un lato negativo del libro: insomma, si cerca di creare una coppia forte in ogni volume della serie, questo a volte riesce, a volte no.

Amie: Oh, tio prego, dimmi che non stai cercando di aprire la tua recensione con una critica... Ormai avresti dovuto capirlo che Jay è un po'... Suscettibile...
Jay: Ehm, cosa hai detto scusa?
Amie: Io?
Jay: No, questa sottospecie di blogger.

Io non ho detto assolutamente nulla, esprimo il mio parere e il mio parere esclusivamente.

4 febbraio 2019

Recensione: 'Caraval' (Caraval #1) - Stephanie Garber

Buongiorno ragazzi e HOLY MOLY non vedevo l'ora di parlarvi di questo libro!
Sarà una recensione estatica e velocissima, perché ho pochissime cose da dire a parte wow, ma arriveremo a tutto questo più tardi.

Per il resto godetevi questo viaggio emotivamente rocambolesco: ne vedremo delle belle con questo volume che, come avete letto dal titolo del post, è proprio Caraval *^*!

Non ero molto intenzionata a leggere questo libro, perchè pensavo fosse la solita storiella già trita e ritrita e invece URCA URCA che mi sarei persa!!

Trama


 Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l'imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga. E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l'aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall'isola e dal suo destino... Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l'edizione di Caraval che sta per iniziare ruota intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella. Eppure, sogno e veglia iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la porterebbe a perdere Tella per sempre...
La copertina originale è uguale eheh



La serie è composta da...
01. Caraval
02. Legend
03. Finale (inedito in Italia)

Recensione:
Allora, questa non sarà una inter(re)view, perchè l'autrice era irreperibile (= sono troppo entusiasta per aspettare oltre a sproloquiare delle meraviglie di questo libro). Dunque via al delirio su questa meraviglia!

Allora, di cosa parla Caraval? E' una storia alquanto complessa: due sorelle, Donatella e Rossella Dragna, terrorizzate da un padre dispotico e affascinate dal Caraval, un gioco di ruolo alla guisa di un circo, magico e misterioso. Chi riceve un invito dal direttore del circo, Legend, arriva sull'Isola de Los Sueños e partecipa al Caraval, cercando di risolvere un mistero in pochi giorni per ricevere un premio strabiliante. Le nostre eroine, per sfuggire al padre prima del matrimonio combinato di Rossella, ricevono due inviti da Legend e arrivano grazie all'aiuto del marinaio Julian sull'Isola. Improvvisamente però Donatella sparisce e sembra proprio che quest'anno i partecipanti del Caraval tra cui Rossella e Julian, per vincere il favoloso premio in palio (un desiderio), debbano risolvere il mistero della scomparsa di Donatella e ritrovarla.

C'è molto poco da dire su questo libro se non bello, bello, bello. Mi è piaciuto molto e mi ha catturato fin dalle prime pagine. Credo che la scrittrice abbia saputo rendere perfettamente i colori e le atmosfere del Caraval: ammalianti, seducenti, ma al tempo stesso pericolose e piene di tranelli. Niente è come sembra e tutti mentono per un proprio tornaconto. Elencherei brevemente le uniche due pecche che secondo me rovinano un pochetto il libro per poi passare a scleri entusiasti:

  1. Certe metafore mangerecce ardite. La nostra Stephanie fa spesso ricorso a metafore colorite con similitudini sul cibo che sono a dir poco incredibili. Al limite dell'assurdo il più delle volte e per farla breve too much.
  2. La pochezza di Rossella. Era un particolare che mi aveva già infastidito in altri libri (vedi Vertigo): la gente non parla quando dovrebbe. Esita, tentenna, non rivela nulla quando sarebbe proprio il momento e il lettore esclama "COSA ASPETTI A DIRGLIELO, BRUTTO IDIOTA?!" e invece no, la nostra protagonista esita, esita ed esita (con le dovute conseguenze, ovviamente).
Molto bene, ora che ci siamo tolti il dente dolente (?), passiamo alle meraviglie.