31 dicembre 2019

Recensioni: Recap Ultime Letture del 2019! - Nemmeno in Paradiso, Gli Scomparsi di Chiardiluna (L'Attraversaspecchi #2), Lo Straordinario Mr Gallowy

Buonasera,
ci siamo quasi, siamo quasi alla fine del 2019 e, signore e signori, ce l'abbiamo quasi fatta anche quest'anno!
Dunque eccoci qui a elencare in un battito di ciglia le mie ultime letture di quest'anno, così da essere lindi e pinti e pronti a partire nel 2020. 

Stay tuned nei prossimi giorni per il bilancio delle Resolutions del 2019 e il lancio delle nuovissime ed emozionanti (?) Resolutions per il 2020!

Pronti via, dunque, ci aspettano tre recensioni flash degli ultimi tre libri che ho letto in questi giorni!


01. Nemmeno in Paradiso - Chelsey Philpot



Charlotte Ryder sa già tutto sul conto di Julia Buchanan prima ancora di conoscerla. Prima ancora di doverla ospitare una notte in camera sua, nel dormitorio del St. Anne College. I Buchanan sono il tipo di famiglia che non passa inosservata. Persino la preside Mulcaster è solita interrompere a metà un discorso per guardarli scendere, uno dopo l’altro, dalla loro lussuosa macchina nera. Per i Buchanan frequentare il St. Anne è come vivere in un acquario: tutti sanno tutto di loro. O almeno così crede Charlotte. Ma quello che non si aspetta, arrivando al St. Anne dal lontano New Hampshire, è di poter diventare la migliore amica di Julia Buchanan. Di essere inghiottita nel suo mondo abbagliante, fatto di feste ininterrotte, fiumi di champagne, appuntamenti notturni e incontri segreti. Un mondo in cui all’improvviso anche l’amore sembra a portata di mano. Perché quando Charlotte conosce Sebastian, il fratello di Julia, crede di avere finalmente tutto ciò che ha sempre desiderato. Presto però l’idillio si spezza. E davanti agli occhi di Charlotte si spalanca una tragedia. Un terribile segreto annidato dietro lo sfarzo che illumina le esistenze dei magnifici Buchanan…
Un libro alquanto vecchietto, lo so, ma non avevo mai avuto occasione di recuperarlo e finalmente eccoci qui!

Questo libro è fondamentalmente la storia di un grande amore. Amore della nostra protagonista, Charlotte detta Charlie, verso un’intera famiglia: la famiglia Buchanan. In particolare si parla di Julia Buchanan, figlia di un ex-senatore, bellissima, ricchissima e altrettanto misteriosa e il fratello Sebastian. La loro famiglia, i Buchanan, è potente, ricca, affascinante e ammaliante, ma anche profondamente infelice. La loro vicenda passa attraverso sogni, realizzazione personale, scelta dell’università, primi amori, drammi familiari… Insomma, ne vedrete delle belle!

Tra gli aspetti positivi: la scorrevolezza dello stile di scrittura e la coerenza dei personaggi, che stranamente sembrano davvero adulti per quanto riguarda la mentalità, rimangono fedeli ai loro ideali, fanno delle scelte spesso difficili, ma coerenti e responsabili. 

Tra gli aspetti negativi, il risvolto troppo scontato che prende il libro verso la fine. La rivelazione finale non è niente di che, facilmente intuibile fin dall’inizio. Ricordiamo però che questo libro non è uscito quest’anno e nemmeno l’anno scorso, anzi, quindi ci sta. 

Carino, molto estivo, se non sapete proprio che fare leggetelo lol.


Verdetto: 4 stelle!




02. Lo Straordinario Mr. Gallowy - Viviana Giorgi

Risultati immagini per lo straordinario mr galloway
Dopo l’acclamato Zitta e ferma, Miss Portland!, Viviana Giorgi ci riporta negli anni della Reggenza con un romanzo divertente e romantico, nel quale, come in ogni regency che si rispetti, ci sono un conte dispotico (Furton), un barone flaccido e noioso (Orwell), un affascinante duca degli scandali (Wittermann) e una Miss determinata (Grace). Sullo sfondo i romanzi di Jane Austen, una tenuta nell’Essex, la season di Londra e… un misterioso segretario, lo straordinario Mr. Galloway. 

Ringrazio vivamente la casa editrice per avermene fornito una copia!

Che dire, l'unica parola che userei per descrivere questo libro - un po' un incrocio tra una classica commedia rosa e Orgoglio e Pregiudizio - è frizzante.

E' esattamente così: una fenomenale protagonista che sa cosa vuole (e sposarsi di sicuro non è in cima alla lista delle sue priorità) e decide di fuggire di casa con un geniale espediente. Finirà, ahimè, tra le braccia del meraviglioso duca Wittermann, affascinante e pericoloso e, be', una ragazza che si finge un maschio sotto lo stesso tetto dello scapolo d'oro più d'oro d'Inghilterra non è una storia che può finire tranquillamente!

27 dicembre 2019

Recensione: 'Finale' (Caraval #3) - Stephanie Garber





Ladies and gentlemen, quale modo migliore di concludere il 2019?
Ebbene si, una delle ultime letture a cui mi sono dedicata quest’anno (ma sicuramente non l’ultima) è proprio Finale, il grande ultimo libro della trilogia di Caraval.
Sapete perfettamente quanto io sia ossessionata da questa trilogia (recensioni dei primi due capitoli qui e qui), dunque rimpiango di aver aspettato così tanto per leggere e divorare l’atto finale della storia di Sella, Tella, Legend e Julian.

Ma finalmente ci siamo! Quindi senza ulteriore indugio andiamo a discutere finalmente di questa meraviglia.

Trama

Risultati immagini per finale stephanie garber
Un amore per il quale vale la pena combattere. Un sogno per il quale vale la pena morire. Un finale per cui vale la pena aspettare.
Sono passati due mesi da quando i Fanti sono stati liberati dal mazzo di carte. Due mesi da quando Legend ha rivendicato il trono come proprio, e due mesi da quando Tella ha scoperto che l’uomo di cui si è innamorata in realtà non esiste.
Con vite, imperi e cuori appesi a un filo, Tella deve decidere se fidarsi di Legend o di un precedente nemico. Dopo aver scoperto un segreto che sconvolge la sua vita, Rossella avrà bisogno di fare l’impossibile. E Legend può scegliere di compiere quello che lo cambierà e definirà per sempre.
Caraval è finito, ma forse la più grande partita di tutte è iniziata. Non ci sono spettatori questa volta: solo coloro che vinceranno e quelli che perderanno tutto.
Benvenuto, benvenuti a Finale, tutti i giochi devono arrivare alla fine.



La serie è composta da..
01. Caraval (recensione)
02. Legend (recensione)
03. Finale

Recensione:

Risultati immagini per finale stephanie garber fanartSiamo giunti anche alla fine di questa travolgente trilogia. Sigh ç.ç.
Prima di lasciarmi andare ai sentimentalismi, discutiamo un po’ di questo terzo capitolo.

La storia naturalmente riprende da dove l’avevamo lasciata, con i Fati liberi nel mondo (e a briglia sciolta), la mamma di Tella e Sella addormentata, ma viva, e infine - ovviamente - Donatella con il cuore spezzato perché Legend è uno str**o (ops) un egoista che naturalmente pensa prima a sé stesso, o così ha detto alla nostra povera ragazza…

In breve? Mamma mia, questi personaggi. Mamma mia, questi incredibili personaggi che ci scaldano il cuore da ormai qualche anno!

La grande novità di questo libro è che tornano entrambe le nostre due sorelle, Sella e Tella, a fare le narratrici. Avevamo abbandonato Rossella a favore di Tella, in Legend, e invece per l’ultimo capitolo la Garber ha pensato bene di fare le cose in grande: due punti di vista alternati che ci guidano nelle avventure per la salvezza di Valenda.

Rossella ha il suo bel daffare con uno dei Fati in particolare, la Stella Caduta, che sembra conoscerla molto più di quanto non sembri e che ha un legame misterioso con la madre delle due, Paloma. Inoltre ricordiamo che Julian è sparito da un bel po’ ormai (ma non temete, la sua assenza, com’è ovvio, non durerà a lungo)…

Donatella, invece, è distrutta dal rifiuto (ennesimo) di Legend e lotta con tutta sé stessa per fermare i Fati che imperversano a Valenda. Naturalmente non è un’impresa semplice e il fatto che Legend non voglia starle lontano, il Principe di Cuori nemmeno e la madre nasconda così tanti segreti di sicuro non aiuta. Proprio la scoperta di una sconcertante rivelazione su quest’ultima sarà la goccia che farà traboccare il vaso e darà il via alla missione principale uccidi-Fati-e-ripristina-la-pace-a-Valenda.

Legend e Julian, naturalmente, rimangono i fascinosi boys che abbiamo conosciuto, sempre più pronti a fare strage di cuori.

Un’avventura oltre il tempo e oltre lo spazio, tra le ambigue e ammalianti atmosfere di Valenda (e Caraval) e la travolgente magia dei Fati. 

23 dicembre 2019

#MovieTime: 'Klaus', Non il Solito Film di Natale...

Buongiornissimo, caffè, amici!

Siamo a Natale, eh *^*. E voi come lo passerete quest'anno? In famiglia? Con amici? Cenone il 24 o mega-pranzo il 25 o entrambi?

Sicuramente una cosa di tradizione che accomuna i Natali di moltissime persone è guardare un bel film. Che siate appassionati del grande schermo o affezionati delle maratone pre-natalizie (come la sottoscritta), di sicuro non potete lasciarvi sfuggire l'ultimo prodotto targato Netflix che gioca un po' con i classici canoni del film di Natale.

Sto naturalmente parlando di Klaus! L'ho visto da poco a dir poco adorandolo e oggi sono qui per parlarvene e augurarvi così buon Natale...

Sinossi:

Risultati immagini per klaus netflix locandina
Klaus, il film d'animazione diretto da Sergio Pablos, racconta la storia di Jesper, il peggiore studente dell'Accademia delle Poste. Per redimere la sua pessima reputazione gli viene offerta un'opportunità: consegnare la posta in uno sperduto villaggio, Smeerensburg, sito su un'isola ghiacciata del freddo nord, al di là del Circolo Polare Artico. Qui nessuno ha voglia di scambiare lettere né qualche chiacchiera, anzi gli abitanti del posto sono molto schivi.
Jesper sta per desistere nella sua ricerca, quando incontra Alva, un'insegnante locale che gli offre il suo aiuto, e conosce il falegname Klaus, che conduce la sua esistenza in una baita, dove realizza giocattoli.
L'amicizia nata tra Jesper e il falegname riporterà l'allegria nel posto e la nascita di una nuova tradizione, fatta di magia e generosità. È così che in un paesino dove i sentimenti sembrano ghiacciati, le persone scopriranno che a un semplice atto di gentilezza ne consegue sempre un altro più grande.
Disponibile su Netflix
Comingsoon: 4,6/5




PERCHE' NON DOVETE LASCIARVELO SFUGGIRE...

Klaus è un film di Natale, sicuramente, ma è quello che io definirei 'un film di Natale per adulti'. Scordatevi scenette melense di bambini felici che ricevono i regali dopo essere stati buoni per un anno intero, dimenticate regali zuccherosi e atmosfera fiabesca, perchè non troverete niente di tutto ciò.

Il protagonista, Jesper, è uno sfaticato che viene punito dal padre (direttore delle Poste nazionali) e mandato a Smeerensburg, un'isola terribile nel nord dell'Artico. La punizione di Jesper è semplice: quando riuscirà a consegnare un numero di lettere sufficiente, verrà riammesso dal padre nella sua famiglia, tornerà alla sua vita di agi e pigrizia e potrà lasciare Smeerensburg. Fino ad allora, però, la fredda e inospitale isoletta del nord sarà la sua casa. 

Risultati immagini per klaus netflix

Qual è il problema? Il problema è che Smeerensburg è in guerra. Due diversi clan sono in lotta da decenni per estinguersi l'un l'altro con ogni forma di violenza, dunque il desiderio di mandare lettere non è esattamente al primo posto nella lista delle loro priorità. Per di più, nessuno crede che ce la farà, lui stesso in primis. Come fare dunque? La soluzione si presenterà a Jesper sotto forma di un vecchio falegname che vive isolato da tutti nell'estremo nord dell'isola. Egli infatti è un fabbricatore di giocattoli e inizierà ben volentieri una collaborazione con Jesper: per una pura casualità, infatti, i bambini di Smeerensburg scopriranno che basta spedire una lettera al falegname - il signor Klaus - per ricevere misteriosamente il giorno dopo, direttamente a casa, un nuovo giocattolo. Avete già capito dove si va a parare, vero? 

Ma Klaus è molto più di questo: Klaus è la storia di come la leggenda di Babbo Natale viene creata artificialmente, il tutto condito con tentati omicidi, continui dispetti tra clan e la lotta all'odio viscerale e ingiustificato che anima Smeerensburg. Non proprio il classico film di Natale, o sbaglio?

18 dicembre 2019

Recensione: 'Fidanzati dell'Inverno' (L'Attraversaspecchi #1) - Christelle Dabos

Buonasera, amici e amiche.
Oggi siamo qui per parlare di una nuova serie che ho aspettato decisamente troppo tempo ad iniziare (e francamente non so perchè!).

Senza ulteriore indugio andiamo a parlare di questa meraviglia e preparatevi, perchè ci sarà da sproloquiare!

Trama

Risultati immagini per l'attraversaspecchi fidanzati dell'inverno
L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatrice di un museo finché le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi. Questo significa trasferirsi su un’altra arca, “Polo”, molto più fredda e inospitale di Anima, abitata da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra di loro. Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Tra oggetti capricciosi, illusioni ottiche, mondi galleggianti e lotte di potere, Ofelia scoprirà di essere la chiave fondamentale di un enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo. Fidanzati dell’inverno è il primo capitolo di una saga ricca e appassionante che sta conquistando migliaia di lettori giovani e adulti.





La serie è composta da...
01. Fidanzati dell'Inverno
02. Gli Scomparsi di Chiardiluna
03. La Memoria di Babel
04. La Tempesta degli Echi (inedito, in arrivo nel 2020)


Recensione:
Lo ripeterò una volta ancora: non ho idea del perchè io abbia aspettato così tanto a iniziare questa serie.
Andiamo come sempre con ordine, ma vi avviso che sono in super fibrillazione *^*. 

Risultati immagini per l'attraversaspecchi 4
Dunque, questa è la storia di una giovane ragazza, Ofelia, proveniente da un mondo un po' particolare chiamato Anima. E' la promessa sposa di Thorn, il principale contabile statale di un altro mondo un po' particolare, detto il Polo. I due non si sono mai visti, ma sono promessi l'uno all'altra per ragioni che inizialmente la nostra Ofelia non conosce. Quello che sa con sicurezza è che lei ha un dono: è una Lettrice, cioè è in grado di scoprire il passato e i segreti degli oggetti semplicemente toccandoli.
I loro due mondi sono in realtà resti di quella che una volta era la Terra, mega-asteroidi spaziali che orbitano intorno al Sole. Ogni frammento del pianeta è governato da un essere soprannaturale, una grande famiglia di fratelli divini sostanzialmente. Ognuno di loro protegge un qualcosa di specifico e ha delle abilità particolari. 

La trama in cui ci trascina la Dabos ha del tragico: Ofelia è sostanzialmente venduta dalla propria famiglia con il benestare delle donne che governano Anima. E' venduta alla famiglia di Thorn, senza sapere che il mondo nel quale sta per essere forzatamente introdotta è violento e brutale e non aspetta altro che farla a pezzi per indebolire la famiglia del suo promesso. Come se non bastasse, Ofelia non è stata scelta a caso tra tutte le donne di Anima, ma le sue abilità speciali sono la chiave per un piano complesso ordito segretamente da persone più potenti di lei.

Come se non bastasse, una volta arrivata al Polo, Ofelia è messa sotto la protezione della zia di Thorn, una donna potente e spietata, che ha sempre un secondo fine. Con lei Ofelia imparerà a non fidarsi di nessuno, lei compresa, e capirà che ogni singola persona del Polo ha un interesse a ucciderla. Bell'ambiente, no?
Insieme alla zia di Thorn, Ofelia verrà introdotta nell'alta società del Polo, tra balli travolgenti e scontri tra le due famiglie principali e i loro incantesimi. Una società con mille sfaccettature, frivola, folle e frenetica, ma allo stesso tempo letale e pronta a pugnalare tutti alle spalle. Il suo stesso dio, Faruk, non è così disinteressato come sembra riguardo alla presenza di Ofelia...

16 dicembre 2019

Segnalazione #26: 'Tramonti di Cartone' - M. Affuso, V. Bonavolontà, G. Verruti

Buongiorno,
oggi vi propongo un libro molto insolito per quanto riguarda il genere, si tratta infatti di un libro di poesie, arricchito di preziose illustrazioni. Gli autori stessi lo definiscono un’armonica simbiosi di poesie, prose, fotografie e illustrazioni che dialogano costantemente tra di loro creando un viaggio sensoriale dai molteplici significati.

Curiosi? Ma andiamo a scoprirne qualcosa di più...


Titolo: Tramonti di Cartone

Autori: Marcello Affuso, Valentina Bonavolontà, Giulia Verruti.
Genere: Poesie/Racconti/Fotografie
Pagine: 130 (98 B/N e 32 a COLORI)
Prezzo: 12,00 euro
Uscita: gennaio 2020


Tramonti di cartone è un lavoro corale, un progetto condiviso in cui i tre autori, l’illustratrice e la fotografa “scelgono di abbandonare la zona di comfort che permette di celare se stessi nel chiaroscuro delle proprie fragilità”, “come se la vera essenza di sé fosse qualcosa di cui vergognarsi” e si mettono a nudo, parlando di amori vecchi e nuovi, amicizia, perdita, ricordo, incontri, dolore, speranze. Un lavoro collettivo in cui ciascuno fa la sua parte.





(Segnalo che la presentazione ufficiale è prevista il 22 gennaio alla Feltrinelli di Piazza Dei Martiri a Napoli, a dicembre il libro sarà messo in scena al Teatro TRAM di Napoli, quindi nel caso foste da quelle parti vi invito a dedicargli un po' di tempo!)

Allora, cosa c'è di speciale in questo libro? Prima di tutto le splendide illustrazioni e fotografie abbinate ad ogni poesia, che riescono a dare un'idea molto precisa di quello che l'autore/autrice vuole esprimere con quelle parole. "L’esperienza visiva rielabora quella descritta in parole offrendo al lettore un doppio percorso di lettura al fine di amplificare l’effetto di immersione nelle storie"
In secondo luogo, naturalmente, le parole. Io non sono una grande esperta di poesie, va' detto, ma alcune frasi arrivano anche al lettore più inesperto per le immagini che evocano, per la loro potenza e per le emozioni che suscitano.

Una bellissima raccolta tutta italiana che merita davvero.

Come se non bastasse, il ricavato delle vendite verrà interamente devoluto alla Onlus I Care, associazione che ogni giorno lotta per portare in Africa acqua, istruzione e formazione ad un popolo duramente provato dalla fame, dalla miseria, dalla siccità, dalla guerra e da gravi emergenze sanitarie. Dunque è una splendida occasione per acquistare una bellissima raccolta e fare del bene nel mondo.

Come descrivere ulteriormente quest'opera? Be', con le parole usate per presentarla nel comunicato stampa...

14 dicembre 2019

Recensione: 'Homeless' - Allyson Taylor

Buongiornissimo, kaffèèèè?
Vi ricordate della gentilissima Allyson Taylor, autrice di Unexpected (recensione)? L'autrice mi ha contattata nuovamente per sottopormi il suo ultimo lavoro (grazie mille per aver pensato a me ❤) e dunque eccoci qui!

Trama


Ashley è una ragazza che ha trascorso la maggior parte della sua vita in un orfanotrofio di Los Angeles, davanti al quale è stata abbandonata quando era solo una neonata. Non ha mai trovato una famiglia che volesse adottarla, così, il giorno del suo diciottesimo compleanno, decide di lasciare l'orfanotrofio, un luogo che le suscita ricordi tristi e bui, e iniziare a vivere la sua vita; ma senza un diploma e un lavoro, si ritrova a vivere per strada. Per anni lotta per sopravvivere, per avere qualcosa da mangiare ogni giorno, ma anche per restare al sicuro. Soprattutto da Spike, anche lui senzatetto, che la tormenta da sempre.La vita della ragazza, però, cambia radicalmente quando decide di derubare un uomo all'uscita di un pub. Non è il suo primo furto, ma qualcosa che Ashley non aveva mai sentito prima le suscita un grande senso di colpa. Pentita, decide di restituire il portafoglio al legittimo proprietario lasciandoglielo davanti alla porta di casa, ma in quell'esatto momento Ryan Woods esce e la vede. Riconosce subito la ladra che lo ha derubato e cerca di fermarla, però lei riesce a scappare. Ryan si mette alla sua ricerca e alla fine la trova. Le offre un posto dove stare, invitandola a casa sua a patto che lei finga di essere la sua ragazza per una festa a casa dei suoi genitori. Ashley è combattuta, ma sicura di una cosa: vuole stare lontano da Spike, che potrebbe ancora farle del male. Quindi accetta l'offerta di Ryan.Entrambi cominciano a conoscersi e a nutrire dei sentimenti l'uno per l'altra. Ashley inizia a fidarsi di Ryan e a lasciarsi andare, ma tutte le barriere che ha abbassato si rialzano più forti di prima quando scopre chi Ryan è in realtà...

Recensione:


Come ormai ben sapete, proprie della Taylor sono le storie d'amore complicatissime che partono da situazioni del tutto fuori dal comune. Unexpected era così e anche Homeless non fa eccezione. 

La nostra protagonista Ashley è una senzatetto e ha sempre avuto una vita molto difficile, passando da un orfanotrofio alla strada, con tutte le complicazioni del caso. Il nostro Ryan invece è il classico belloccio ricchissimo che ha tutto, ma con un passato misterioso. I due si incontreranno in circostanze straordinarie (lei deve rubare per sopravvivere, lui è pieno di soldi... Collegate voi i puntini) e scatterà immediatamente qualcosa.

Naturalmente però le differenze tra i due ragazzi sono immense, vengono da passati che apparentemente sembrano troppo diversi, ma che in realtà hanno molte similitudini, e la loro storia pare assolutamente impossibile. Ryan però si inventa la genialata: Ashley dovrà fingere di essere la sua ragazza così che i genitori smettano di crederlo gay e poi potrà tornare alla sua vita di prima. Questo comporta vivere sotto lo stesso tetto per un po' e la situazione tra i due è decisamente una bomba ad orologeria pronta a esplodere. Riuscirà il vero amore a prevalere o le differenze tra i due giovani avranno la meglio?

E' inutile che vi dica cosa dovete aspettarvi da questo libro, perchè è un perfetto esempio di un classico romance con tutte le caratteristiche del caso: due protagonisti bellissimi, storie complicate, problemi a non finire, ostacoli che spuntano da altre persone legate ai due... Insomma, una storia che senza dubbio potete immaginare.

Cosa lo distingue, così come era in Unexpected è la straordinaria delicatezza della relazione tra i due protagonisti e le persone a loro care. E' un libro pieno di affetto e di amore, segno che anche chi non ha avuto niente dalla vita, ma ha un cuore buono ed aperto, è capace di donare affetto agli altri incondizionatamente

12 dicembre 2019

Recensione: 'Nocturna' (A Forgery of Magic #1) - Maya Motayne



Buongiorno, amici! Olè!
Entonces, estamos aqui para.. No, non ho mai studiato spagnolo, non so cosa estoy dicendo.

Perché siamo così pregni di alma latina oggi? Be’, perché il fantasy di cui andiamo a parlare è fortemente influenzato dalla cultura spagnola/latina perché scritto da una scrittrice proveniente da questa cultura (e finalmente)!

Dunque andiamo a parlare del libro in questione che è… Nocturna.

Trama

Risultati immagini per nocturna maya motayne
Per l’orfana Finn Voy “magia” significa due cose ben precise: un pugnale puntato al mento di chiunque si azzardi a incrociare la sua strada, e la capacità di indossare qualunque travestimento con la stessa facilità con la quale una persona comune indossa un mantello. Perché Finn, oltre a essere una ladra abilissima, è anche una mutafaccia, capace cioè di cambiare le proprie fattezze quando lo desidera. Ed è talmente abituata a farlo, per sopravvivere nel mondo violento e spietato in cui vive, da non ricordarsi quasi più quale sia il suo vero volto. Ma tutto sommato a lei va bene così. Quando però viene acciuffata da un potente criminale con il quale è indebitata, è costretta ad accettare una missione impossibile: rubare un tesoro leggendario dal palazzo reale di Castallan. Se non ci riuscirà, perderà per sempre la sua magica capacità di mutare aspetto.

Per il principe Alfehr “magia” significa la possibilità di sfuggire a una vita che non gli appartiene. Dopo la morte del fratello maggiore Dezmin, infatti, il ragazzo è diventato l’erede al trono, anche se è ciò che meno desidera al mondo. Tormentato dal dolore per la sua perdita, Alfie è disposto a tutto per riportare in vita il fratello, anche se questo significa inoltrarsi nel sentiero proibito della magia nera.
Ma la magia può essere anche qualcosa di terribile e spaventoso, come l’antico e terribile potere che Finn e Alfie liberano inavvertitamente e che diventa subito una minaccia per il mondo intero. Con il destino deDl regno di Castellan nelle loro mani, i due dovranno superare le loro differenze e allearsi per rimediare al loro errore.

La serie è composta da...
01. Nocturna
02. Oculta (inedito)
03. Ancora senza titolo


Inter(re)view*:
Holaaaaaa, como estas? Todo bien?


Maya: Ehm... Okay... Sono perfettamente in grado di sostenere una conversazione nella tua lingua, giuro... Non mi sembra molto carino che tu parli spagnolo se non sai nemmeno una parola non ti pare..?

Si, forse hai ragione, qualcuno potrebbe offendersi.

Maya: Già, tipo me (sai com'è, lo spagnolo è una lingua che parlo fluentemente, quindi..).

Risultati immagini per nocturna maya motayne fanartUps, si, effettivamente good point. Allora, mi aspettavo questo libro diventasse super famosissimo in Italia, invece nonostante sia uscito da molto poco mi pare che quasi nessuno ne abbia parlato (ad esempio Il Priorato dell'Albero delle Arance ha avuto molta più attenzione). Non capisco poi perchè!

Maya: Be', dai, non è proprio vero. Chi ne ha parlato comunque ne ha parlato bene quindi posso dirmi ugualmente soddisfatta.

Certamente, ma penso più attenzione sarebbe meritata. Di cosa parla questo libro in breve? Di due giovani ragazzi, come avete letto nella trama qui sopra: Finn e Alfie, rispettivamente una ladra senza scrupoli e l'erede al trono di Castellan. Entrambi molto dotati di talento 'magico', ma con due prospettive logicamente opposte sulla vita. Alfie soffre molto per la perdita del fratello e si è sempre prodigato per cercare di riportarlo indietro, mentre Finn cerca solamente di sopravvivere. Il loro destino si unisce per una fortuita coincidenza e... Be', combinano un disastro colossale insieme che potrebbe distruggere il mondo, quindi via all'avventura!

Maya: Dai, è un filo più complicata di così!

10 dicembre 2019

Movie Time: 'Frozen 2' aka Consigli per Cavalcare (con Successo) l'Onda (del Successo)



Buondì amici e amiche cinefili!

Oggi come avrete intuito dal titolo sono qui per darvi qualche utilissimo consiglio nel caso aveste una casa di produzione cinematografica di film d'animazione che stenta a decollare. Non sapete bene come risollevare le sorti del vostro business? Ma ci sono io a spiegarvelo, siete nel posto giusto! 
Tenete bene a mente che questa guida è soprattutto raccomandata per chi volesse sfidare (e perchè no, imitare, tanto va di moda) la Disney, che ormai fa da padrone in questo settore.

Risultati immagini per frozen 2
Se dunque state cercando una guida semi-seria per film impegnati, non è questo il post che fa per voi, uomo avvisato mezzo salvato.

Quali sono gli ingredienti per creare un film da record che sfiori il miliardo di incassi (Frozen 2: 900 milioni per ora, 10 dicembre 2019, ma ci avviamo verso il miliarduccio) senza impegnarsi particolarmente nel costruire una trama? Be', andiamo ad analizzarli!

!! LA PREMESSA: Prevedere i sequel !!

Non possiamo iniziare così, in realtà, perchè il focus di questo post è insegnarvi a mungere la mucca fino allo stremo, a sfruttare la gallina dalle uova d'oro, a cavare il più possibile da ogni animal... Ops, scusate, straparlo. Dicevo, l'obiettivo è risollevare le sorti della vostra casa cinematografica, ma si presuppone che voi un'azienda così ce l'abbiate già e che abbiate già prodotto qualcosina. Assolutamente fondamentale però è includere fin da subito nella produzione dei vostri film, l'idea di un sequel.
Eh si, prima ancora che il film originale (il "PRIMO") venga realizzato, o anche solo ipotizzato, bisogna tenere conto che l'obiettivo è puntare ai sequel. Due, tre, quattro, centoventi... Poco importa. Bisogna dare agli spettatori quello che vogliono e questo qualcosa è, appunto, una storia più ricca, più grande, con più materiale di cui fare merchandising... Insomma, di più!
Dunque se avete realizzato un primo film deboluccio, ahimè, c'è poco da fare: bisogna ricominciare da capo, farne una nuova versione, svecchiarlo, rifarlo etc. Il fulcro è che il primo film deve essere una bomba, poi possiamo passare ai beceri guadagni dei sequel, ma se il presupposto essenziale non c'è, niente da fare.

Avete fatto un primo film? Ottimo!
Ha avuto un discreto successo? Benissimo!
Ora però non sapete che fare per continuare a spremere questa fonte di $$$$ (alla "tanto si sa che il primo è più bello, ma se faccio un sequel non proprio orripilante la gente viene a vederlo comunque")? Eccomi qui per voi!


01. La (non) trama

Voi direte che la trama è fondamentale, ebbene no, signori miei! Se avete visto il film in questione, Frozen 2, avreste sicuramente notato che la trama non è affatto fondamentale, che ci possiamo permettere qualche buco quà e là e che alcuni avvenimenti anche se non solo del tutto sensati hanno senso ugualmente, "tanto la gente viene a vederlo lo stesso xD". E sapete che vi dico? E' proprio vero.

La gente.
Viene.
A. Vederlo.
Ugualmente.

Quindi chissenefrega della trama, licenziate il vostro sceneggiatore che tanto se scrivete tutto voi va bene lo stesso e in più eliminate un costo inutile dal vostro bilancio *wink wink*.

Dunque eliminata la spinosa questione della trama, che rimane?

3 dicembre 2019

TBR: Dicembre 2019


Buongiornissimo kaffè, amici!
Oggi rapidissima carrellata di robbbbbe che usciranno questo mese. Ovviamente non sono poi molte, come accade ad ogni dicembre e ad ogni agosto (circa).

Muy bien, iniziamo!


- USCITE ITALIANE -


01. Finale - Stephanie Garber (YEEEE *^*)


Sono passati due mesi da quando i Fati sono stati liberati, due mesi da quando Legend ha reclamato per sé il trono, due mesi da quando Tella ha scoperto che il ragazzo di cui si è innamorata in realtà non esiste. Mentre vite, imperi e cuori restano in sospeso, Tella deve decidere se fidarsi di Legend o piuttosto di un ex nemico. Dopo aver scoperto un segreto che ribalta tutta la sua vita, Rossella dovrà tentare l'impossibile per salvare coloro che ama e l'Impero. E Legend dovrà fare una scelta che lo cambierà per sempre. Caraval è finito, ma il più grande dei giochi è appena cominciato. Non ci sono spettatori questa volta, qualcuno vincerà, e qualcuno perderà per sempre.

DATA DI USCITA: 3 dicembre















02. Piccole Donne - Louisa May Alcott (già uscito, ma mi sono dimentica di segnalare)

PICCOLE DONNE – Meg, Jo, Bet & Amy
Jo, Meg, Amy e Beth: negli Stati Uniti della Guerra di Secessione le giovani sorelle March vivono i piccoli conflitti e i grandi slanci della loro età, nonostante la preoccupazione per il padre al fronte e le ristrettezze economiche. Divenuta subito un classico, la loro storia di una piccola comunità femminile – che la Alcott narra attingendo alla propria esperienza personale e dipinge con un linguaggio immediato e realistico – ha affascinato intere generazioni di lettrici con la sua freschezza e vivacità.

DATA DI USCITA: già uscitoooo



















03. La casa delle voci - Donato Carrisi


Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l'ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso traumatizzati, segnati da eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui polizia e magistrati si servono per le indagini. Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l'addormentatore di bambini. Ma quando riceve una telefonata dall'altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un'adulta. Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un'illusione, ha disperato bisogno di Pietro Gerber. Hanna è un'adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la «casa delle voci». Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio. O forse non ha semplicemente visto. Forse l'assassina è proprio lei.

DATA DI USCITA: 2 dicembre



30 novembre 2019

Recensione: 'Evil' (Villains #1) - V. E. Schwab


Hello hello hello,
oggi siamo tornati con una nuova recensione di un libro che ho taaaaaaaaaaaaaaaanto aspettato, per altro di una delle mie scrittrici preferite, Victoria E. Schwab.

In particolare, non si sa bene perchè, le CE italiane hanno deciso di donarci questa meravigliosa pubblicazione DOPO le Shades of Magic, nonostante Vicious (titolo originale di Evil) sia uscito prima. Bah, vai a sapere.

Comunque il punto fondamentale è che ci siamo, la serie è qui e noi stiamo per recensirla!

PS: Black Friday 2019, come sono andati i vostri acquisti?

Trama

Risultati immagini per evil v e schwab
Il destino di Victor è intrecciato a quello di Eli sin dai tempi dell'università, quando la loro comune sete di conoscenza, unita a una sfrenata ambizione, si rivelò fatale. Gettandosi a capofitto in una ricerca sull'adrenalina e le esperienze ai confini della morte, fecero una straordinaria scoperta: a determinate condizioni, è possibile sviluppare poteri soprannaturali. Ma le cose precipitarono... Sono passati dieci anni da allora e Victor è evaso di prigione, determinato a trovare il suo vecchio amico. Eli ha dedicato la vita a cercare di rimediare al loro errore, dando la caccia a chiunque abbia abusato dei poteri soprannaturali. Il sodalizio di un tempo si è tramutato in rivalità e i due arcinemici sono pronti a fronteggiarsi una volta per tutte, mentre all'orizzonte si prospetta uno scontro di forze terribili. Una battaglia che cambierà per sempre il destino del mondo.







La serie è composta da..
0.5. Warm Up
01. Evil
02. Vengeful (inedito in Italia)
03. Ancora inedito

Recensione:

Che ve dico (se riconosci la youtuber che usa sempre questa espressione lascia un commento!), la Schwab sa scrivere, obv. E sa scrivere divinamente, ma queste sono tutte cose che sapevate già. 

Quello che forse conoscete meno è la trama di questa serie, ma don’t worry, here I come: i due protagonisti indiscussi di questa serie sono Victor e Eli, due acerrimi amici-divenuti-nemici e stranamente il vero narratore è il “cattivo”. “Cattivo” tra virgolette, ci arriveremo tra un secondo.

Victor e Eli sono compagni di università e per vie traverse decidono di mettersi alla ricerca di un metodo per diventare Extra Ordinari (EO). Naturalmente, ci riescono, ma qualcosa va storto e i due diventano acerrimi nemici, impegnati in una perenne lotta per la vita fino a quando dei due ne rimarrà uno solo (è anche la citazione molto famosa di un film, ma mi sfugge quale in questo momento…).

24 novembre 2019

Recensione: 'Sei di Corvi' (Six of Crows #1) - Leigh Bardugo

Su, non abbiate un'aria così perplessa, sapevate che prima o poi si sarebbe arrivati a questo!
Dopo le concenti delusioni che la Bardugo mi ha regalato (questa e questa, per capirci) nell'ultimo periodo e le decine di commenti alla stregua de: "NO OMMIODDIO NON PUOI PENSARE QUESTO! SI OKAY FORSE LA PRIMA SERIE NON E' FENOMENALE, MA LEGGI SIX OF CROWS E TI INNAMORERAI DELLA BARDUGO!". 
Naturalmente io non ci credevo, pensavo fossero tutte esagerazioni come per altre famose serie che a me non sono granchè piaciute vedi Il trono di ghiaccio e Shadow and Bone, appunto.

E invece? E invece oggi siamo qui a parlare di Six of Crows.

Trama

Risultati immagini per sei di corvi di leigh bardugo
A Ketterdam, vivace centro di scambi commerciali internazionali, non c'è niente che non possa essere comprato e nessuno lo sa meglio di Kaz Brekker, cresciuto nei vicoli bui e dannati del Barile, la zona più malfamata della città, un ricettacolo di sporcizia, vizi e violenza. Kaz, detto anche Manisporche, è un ladro spietato, bugiardo e senza un grammo di coscienza che si muove con disinvoltura tra bische clandestine, traffici illeciti e bordelli, con indosso gli immancabili guanti di pelle nera e un bastone decorato con una testa di corvo. Uno che, nonostante la giovane età, tutti hanno imparato a temere e rispettare.
Un giorno Brekker viene avvicinato da uno dei più ricchi e potenti mercanti della città e gli viene offerta una ricompensa esorbitante a patto che riesca a liberare lo scienziato Bo Yul-Bayur dalla leggendaria Corte di Ghiaccio, una fortezza considerata da tutti inespugnabile. Una missione impossibile che Kaz non è in grado di affrontare da solo. Assoldati i cinque compagni di avventura - un detenuto con sete di vendetta, un tiratore scelto col vizio del gioco, uno scappato di casa con un passato da privilegiato, una spia che tutti chiamano lo "Spettro", una ragazza dotata di poteri magici -, ladri e delinquenti con capacità fuori dal comune e così disperati da non tirarsi indietro nemmeno davanti alla possibilità concreta di non fare più ritorno a casa, Kaz è pronto a tentare l'ambizioso quanto azzardato colpo. Per riuscirci, però, lui e i suoi compagni dovranno imparare a lavorare in squadra e a fidarsi l'uno dell'altro, perché il loro potenziale può sì condurli a compiere grandi cose, ma anche provocare grossi danni...
Finalmente arriva in Italia il primo romanzo della duologia che ha consacrato Leigh Bardugo come una delle voci più talentuose e autorevoli della narrativa fantasy. Una serie ambientata in un mondo articolato e straordinario, il GrishaVerse, dove si muovono personaggi sapientemente costruiti e sfaccettati. Una storia avventurosa ricca di colpi di scena che vi mancherà nell'istante stesso in cui avrete letto l'ultima pagina.

La serie è composta da..
01. Sei di Corvi
02. Il Regno Corrotto
03. Ancora inedito e senza titolo


Inter(re)view*:


Per iniziare ad effetto posso dire che se non sapessi con assoluta certezza che non è così, direi che la trilogia originale Grisha e Sei di Corvi sono stati scritti da due persone diverse. 'Shadow and Bone' e seguiti è una serie poco originale, per me poco coinvolgente, con dei personaggi con cui mi è stato difficile entrare in sintonia e a nulla è valsa l'ambientazione incredibile e il world-building convincente. Six of Crows è un altro mondo. Salve, Leigh.

Leigh: Salve, non uno degli inizi più gentili che abbia mai sentito, se posso.

Ci credo, ma sono rimasta assolutamente sconvolta dalla differenza tra le due serie e non potevo non metterla in evidenza come prima cosa. Lei deve capirmi: sono partita così prevenuta per quanto riguarda Six of Crows che dubitavo l'avrei finito..

Leigh: Wow, Shadow & Bone deve proprio averla impressionata..

Eh, appunto. Diciamo che non lo rileggerò mai, ecco. Comunque non siamo qui per guardare al passato, ma per focalizzarci su Sei di Corvi, che grazie a tutti i Santi (anche alla nostra Sankta Alina *wink wink*) è diametralmente diverso rispetto all'originale Grisha Series.

Leigh: Francamente è diverso, ma i punti di contatto ci sono e sono parecchi.

Si e ne parleremo tra un attimo. Sei di Corvi è la storia di - ovviamente - sei intrepidi eroi che vengono reclutati dal leader Kaz per compiere una missione impossibile: liberare uno scienziato dalla prigione più sicura del mondo. Cos'ha di speciale questo scienziato? Ha inventato una droga capace di rendere i Grisha (so che ve li ricordate: simpatici umani dotati di poteri magici di vario genere) più potenti che mai, ma dipendenti da questa nuova sostanza. Delle armi perfette, per capirci. Questi sei personaggi vengono quasi tutti dal Barile, la zona più malfamata della cittadina Ketterdam. Hanno avuto vite difficili e numerosi problemi e conducono attività non esattamente legali, facendo parte della banda degli Scarti, una delle più potenti del Barile, della quale Kaz è il leader.

20 novembre 2019

Recensione #EsceOggi: 'Il Priorato dell'Albero delle Arance' - Samantha Shannon

NB: Esce oggi, yay!

Buongiornissimo kaffè amici, come state?
Tutto apppposto?
Vista l'uscita di questo libro meraviglioso, che mi è stato omaggiato dalla Mondadori, che ringrazio vivamente, proprio oggi, be'... Quale modo migliore di celebrare un'uscita che una bella chiacchierata proprio sull'uscita?


Trama:

Il romanzo fantasy dell’anno. La casa di Berethnet ha regnato su Inys per mille anni ma ora sembra destinata a estinguersi se la regina Sabran IX non si sposerà e darà alla luce una figlia. I tempi sono difficili, gli assassini si nascondono nell’ombra della corte. A vegliare segretamente su Sabran c’è Ead Duryan, adepta di una società segreta che, grazie ai suoi incantesimi, protegge la sovrana. Ma la magia è ufficialmente proibita a Inys… Tra draghi, lotte per il potere e indimenticabili eroine, l’epico fantasy al femminile per il nuovo millennio.














Recensione:


Avete presente gli high-fantasy? Ecco. Questo libro è decisamente uno di quelli. Ne ha tutte le caratteristiche: eroi multiplici, molteplici punti di vista, decine di avvenimenti, trama che si protrae a lungo, grande importanza di leggende e tradizioni popolari, diversi ceti sociali e inclusività... Insomma, c'è di tutto!

Inizierei con il dire cosa mi è piaciuto: inizialmente, come ho appena detto, l'inclusività. Ci sono personaggi bianchi, neri, maschi, femmine, etero, omosessuali, giovani, vecchi, di una fede, di un'altra fede, insomma T-U-T-T-O! E' un elemento che non va dato per scontato, soprattutto di questi tempi, e quando presente va sottolineato. Quindi un applauso a Samantha per aver costruito questo mondo così completo.

Proprio collegandosi a questo elemento evidenzierei l'altro grande punto di forza del libro: i personaggi. Per la loro diversità sono fenomenali e costituiscono un intreccio complesso che di sicuro incanterà i lettori: inizialmente nessuno di loro si conosce, ma poi inevitabilmente si accorgono di aver bisogno gli uni degli altri per spuntarla. Sottolineerei per altro che i personaggi portanti di questo libro sono tutte donne, yay!

Riguardo alla trama poco da dire: è un high-fantasy, quindi aspettatevi le solite tematiche quali draghi da domare, incantesimi da spezzare, mostri da uccidere, streghe da cacciare, viaggi incredibili da compiere... Insomma, sapete già di cosa si parlerà (Il Signore degli Anelli insegna, per capirci). Se non vi piace il genere, se non amate i fantasy molto lenti con ricche spiegazioni di world-building, questo non è il libro per voi.

15 novembre 2019

#BookTag: Must Read Book Tag

Buonasera, amichetti!
Oggi torniamo con delle simpatiche domandine da book tag, yuppi! Il fatto che sia un post tappabuchi perchè sto leggendo pochissimo in questo periodo è ovviamente un dettaglio secondario e insignificante.  

Insomma, via alle domande!

Naturalmente non manco di creditare chi di dovere per avermi fatto scoprire il tag: un grazie a La Stamberga di Inchiostro!


Chiunque legga e abbia voglia di riproporre il tag sul proprio blog, prego! Siete tutti taggati!


01. IN CHE MODO SOLITAMENTE SCOPRI NUOVI LIBRI DA LEGGERE?

Be', needless to say, bookblogs. Insomma, tra bookbloggers ci si intende e ogni mese ogni blogger propone e viene deliziato con nuove travolgenti uscite. Direi che si, la mia fonte principale è il mondo di Blogger.

02. I PREMI LETTERARI INFLUENZANO LA TUA WISHLIST?

Categoricamente, assolutamente, inevitabilmente no. I premi letterari sono spesso molto controversi, molti non ne condividono l'assegnazione e io personalmente non mi faccio influenzare. Se voglio leggere un libro che non conosce nessuno lo leggo, per farla breve, e se non voglio leggere un pluripremiato, be', non lo leggo.

03. TI SENTI IN DOVERE DI LEGGERE LIBRI CONSIDERATI OPERE FONDAMENTALI DELLA LETTERATURA?

Purtroppo si. Arrivando da un passato scolastico linguistico (anche se ora studio tutt'altro), la letteratura europea e extraeuropea e i 'classici della letteratura' sono sempre stati molto presenti nella vita. Quindi si, ancora adesso - a anni di distanza dal liceo - se un libro è considerato un classico della letteratura io inevitabilmente penso che un motivo ci sia e dunque sono spinta a leggerlo. Naturalmente questi esperimenti non finiscono sempre bene, anzi, molti classici non fanno per me...

04. I LIBRI CHE DESIDERI LEGGERE SONO INFLUENZATI DAL PUNTEGGIO DI GOODREADS?

No, non uso granchè goodreads. Se un libro mi è particolarmente piaciuto, ma soprattutto se non mi è piaciuto per nulla, vado a controllare il punteggio che gli è stato assegnato dai lettori del mondo per farmi un'idea del parere degli altri. Ciò però non influenza nè le mie scelte in fatto di letture nè il mio parere finale. Aggiungiamo poi il fatto che il parere delle altre persone su goodreads è spesso largamente superiore al mio o in generale è troppo spesso ultrapositivo ahah.